SAINT-DENIS, PARIS - ARCHITETTURA

CHIESA ABBAZIALE (CATTEDRALE) DI SAINT-DENIS (PARIGI, FRANCIA) (1135-1136)

  

  Pagine
 
  Croce Pomata RITORNO AL MENU
 
  Croce Pomata STORIA
   
  Croce Pomata ARCHITETTURA
   
  Croce Pomata VETRATE cappelle del coro
   
  Croce Pomata VETRATE coro e navata
   
  Croce Pomata STATUE E SCULTURE
   
  Croce Pomata ALTRE IMMAGINI SACRE
   
  Croce Pomata TOMBE DEI REALI
Costruita in varie tappe e quindi in periodi stilisticamente diversi, ha poi subito rimaneggiamenti e ristrutturazioni che ben poco ci lasciano del progetto originale di Suger.
Questo progetto rimane forse ancora nella pianta del coro e nella facciata occidentale.
La facciata occidentale e' uno dei primi lavori effettuati e in effetti sconta ancora un po' dello stile romanico, potremmo definirlo un gotico primitivo.
La Cattedrale e' a tre navate con due portali Nord e Sud che si aprono sui bracci del transetto.
La navata principale si innalza su tre livelli, arcata principale, triforio con vetrate ed un alto claristorio, struttura che prosegue similarmente nel coro.
Il deambulatorio e' doppio con cappelle radiali poco profonde, creando cosi' un'ambiente particolarmente luminoso.
Pochissimo rimane delle vetrate originali.


Costruita secondo un sistema classico con pianta a croce, transetto poco sviluppato, deambulatorio e cappelle absidali a raggiera e' stata sviluppata in epoche diverse su tre navate con delle cappelle ricavate a fianco della navata Nord.(altezza navata c.a. 27mt.)
 




Nella pianta attuale della basilica si notano gli accorgimenti e gli allineamenti che si sono dovuti deformare per ricalcare la vecchia basilica carolingia e utilizzare le fondazioni della cripta preesistente.


Le foto sottostanti chiariscono lo stile della struttura gotica "classica" utilizzata.

veduta dal transetto verso l'abside
centro del transetto (Est in alto)
navata centrale
navata centale fino all'ingresso Ovest





Informazioni personali

Marco Ponzalino

Mi piace vivere le vita, so che ogni istante vissuto non tornerà' per cui cerco di non sprecarlo, so che e' inutile vivere il rimpianto del passato, il desiderio del futuro perché' cio' che conta e' l'istante che vivo. Cerco quindi di essere un uomo ......